Spazio PMI

Aiutiamo le PMI ad ottenere finanziamenti per i loro piccoli e grandi progetti

I nostri servizi per le PMI


Garanzia Pubblica L. 662/96

ATS – COSVIG, affianca le imprese nel valutare ed esaminare l’ammissibilità e la possibilità di accedere alla garanzia pubblica gestita dal Fondo di Garanzia per le PMI.

La nostra operatività è svolta in tempo reale e all’impresa non viene chiesto alcun onere fino ad erogazione del finanziamento.

Garanzia Pubblica ISMEA

La garanzia diretta ISMEA è disciplinata dal decreto 22 marzo 2011 del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze. 
L’obiettivo della garanzia diretta è favorire l’accesso al credito delle aziende agricole, attraverso l’abbattimento degli spread e la riduzione del patrimonio di vigilanza delle banche.

Il servizio offerto prevede un accompagnamento completo alle imprese compresa la raccolta delle richieste di finanziamento in accordo con le banche convenzionate.

La banca riceverà direttamente la garanzia pubblica di Ismea prima dell’erogazione del finanziamento richiesto.

Accesso al Credito “Nuova Sabatini”
Cos’è
  • La misura Beni strumentali (“Nuova Sabatini”) è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico con l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese 
  • La misura sostiene gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali.
A chi si rivolge
  •  Possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI)
Settori ammessi

Sono ammessi tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, ad eccezione dei seguenti: attività finanziarie e assicurative attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione

Cosa finanzia

Gli investimenti devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • autonomia funzionale dei beni, non essendo ammesso il finanziamento di componenti o parti di macchinari che non soddisfano tale requisito
  • correlazione dei beni oggetto dell’agevolazione all’attività produttiva svolta dall’impresa
Le agevolazioni

Consistono nella concessione da parte di banche e intermediari finanziari, di finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese per sostenere gli investimenti previsti dalla misura, nonché di un contributo da parte del Ministero dello sviluppo economico rapportato agli interessi sui predetti finanziamenti.

L’investimento può essere interamente coperto dal finanziamento bancario (o leasing).

Il finanziamento, che può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento stesso, deve essere:

  • di durata non superiore a 5 anni
  • di importo compreso tra 20.000 euro e 4 milioni di euro
  • interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili .

Il contributo del Ministero dello sviluppo economico è un contributo il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al:

  • 2,75% per gli investimenti ordinari
  • 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (investimenti in tecnologie cd. “industria 4.0”)

Business Plan

Il nostro business plan è rivolto sia alle imprese con bilancio depositato (società di capitali e cooperative) sia alle società di persone e ditte individuali.

Lo sviluppo comprende le seguenti aree di analisi e moduli:

  • MODULO ECONOMICO – FINANZIARIA
  • MODULO ANDAMENTALE
  • MODULO RATING FONDO DI GARANZIA
  • INDICI DI BILANCIO
  • INDICI DI ALLERTA
  • INDICI BASILEA 3
  • RATING BANCARIO

Il servizio è offerto a prezzi e condizioni di assoluto vantaggio.

Microcredito

Il microcredito è uno strumento finanziario che ha lo scopo di rispondere alle esigenze di inclusione finanziaria di coloro che presentano difficoltà di accesso al credito tradizionale

ATS – COSVIG è accreditata con diversi operatori di microcredito e i nostri collaboratori sono riconosciuti come TUTOR D’IMPRESA capaci di accompagnare l’imprenditore nello sviluppo del proprio progetto imprenditoriale fin dalle prime fasi (idea) alla realizzazione mediante erogazione del finanziamento richiesto.

L’importo massimo richiedibile è di €. 50.000,00.

Credito Agrario

ATS – COSVIG, vanta una esclusiva specializzazione nel credito agrario.

ATS – COSVIG è riconosciuto come Ente delegato da ISMEA per la gestione del procedimento istruttorio per il rilascio della garanzia diretta a favore delle imprese agricole ed agroalimentari (https://www.confesercenti.it/blog/confesercenti-sportello-ismea-per-aiutare-le-aziende-agricole/).

Abbiamo una specializzata in grado di accompagnare l’impresa nella richiesta della garanzia pubblica e nella raccolta delle richieste di finanziamento presso le banche partner.

Attraverso il nostro modello di valutazione delle imprese agricole siamo in grado di valutare il merito di credito e di fornire il massimo supporto consulenziale al fine di permettere la realizzazione del progetto imprenditoriale.

Sei interessato?

Scrivici e sarai contattato al più presto da un nostro consulente






    PMI – Piccole e Medie Imprese

    In conformità con le disposizioni dell’Unione Europea sono definite PMI, le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese che:

    a) hanno meno di 250 addetti

    oppure

    b) hanno un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di Euro, o un totale di bilancio (cioè totale di attivo patrimoniale) annuo non superiore a 43 milioni di Euro

     

    MICRO IMPRESA

    ADDETTI ≤ 10
    FATTURATO ≤ 2 MILIONI DI EURO
    BILANCIO ANNUALE ≤ 2 MILIONI DI EURO

    PICCOLA IMPRESA

    ADDETTI ≤ 50
    FATTURATO ≤ 10 MILIONI DI EURO
    BILANCIO ANNUALE ≤ 10 MILIONI DI EURO
     

    MEDIA IMPRESA

    ADDETTI ≤ 250
    FATTURATO ≤ 50 MILIONI DI EURO
    BILANCIO ANNUALE ≤ 43 MILIONI DI EURO
     

    La nuova definizione di PMI è entrata in vigore il 1° Gennaio 2005 e si applica a tutte le politiche, programmi e misure posti in essere dalla Commissione diretti alle PMI

    La PMI che desidera accedere al fondo, deve indicare se è autonoma, collegata o associata. È autonoma se non è né associata né collegata. Sono collegate le imprese fra le quali esiste una delle seguenti relazioni:

    • l’impresa in cui un’altra dispone della maggioranza dei voti esercitabili nell’assemblea ordinaria
    • l’impresa in cui un’altra dispone dei voti sufficienti per esercitare un’influenza dominante nell’assemblea ordinaria
    • l’impresa su cui un’altra ha il diritto, in virtù di un contratto o di una clausula statutaria, di esercitare un’influenza dominante, quando la legge applicabile consenta tali contratti o clausule
    • le imprese in cui un’altra, in base ad accordi con altri soci, controlla da sola la maggioranza dei diritti di voto

    Le imprese sono definite associate quando un’impresa detiene da sola oppure insieme ad una o più collegate, il 25% o più del capitale o dei diritti di voto di un’altra. Nel caso non esistano conti consolidati, ai dati dell’impresa richiedente si sommano interamente i dati degli occupati e del fatturato o del totale di bilancio desunti dal bilancio di esercizio di tali imprese.

    Le imprese sono definite associate quando un’impresa detiene da sola oppure insieme ad una o più collegate, il 25% o più del capitale o dei diritti di voto di un’altra. Nel caso non esistano conti consolidati, ai dati dell’impresa richiedente si sommano interamente i dati degli occupati e del fatturato o del totale di bilancio desunti dal bilancio di esercizio di tali imprese.

    Non trova applicazione il limite del 25% quando le categorie di investitori sono:

    • società pubbliche di partecipazione, società di capitale di rischio, persone fisiche o gruppi di persone fisiche esercitanti regolare attività di investimento in capitale di rischio, che investono fondi propri in imprese non quotate a condizione che il totale investito, da tali persone o gruppi di persone, in una stessa impresa non superi € 1.250.000
    • investitori istituzionali, compresi i fondi di sviluppo regionale
    • università o centri di ricerca pubblici e privati senza scopo di lucro
    • enti pubblici locali, aventi un bilancio annuale inferiore a € 10.000.000 e meno di 5000 abitanti

    REQUISITI PMI

    Ai fini dell’ammissione al Fondo, le imprese devono risultare “economicamente e finanziariamente sane” sulle quali cioè si possa accertare, valutandone la consistenza patrimoniale e finanziaria, la possibilità di far fronte agli impegni finanziari derivanti dalle operazioni per le quali viene richiesto l’intervento del Fondo.

    I criteri di valutazione  variano a seconda del settore di attività e del regime contabile dell’impresa beneficiaria (contabilità semplificata o ordinaria). La valutazione del merito di credito ha generalmente ad oggetto i dati di bilancio (o delle dichiarazioni fiscali) degli ultimi due esercizi e consiste nel calcolo (modello di scoring) dei principali indicatori economico-finanziari e del relativo scostamento dai “valori ottimali”, con il conseguente inserimento dell’impresa beneficiaria in una delle 3 fasce di valutazione (Fascia 1, Fascia 2 e Fascia 3).

    La normativa del Fondo prevede l’abilitazione delle stesse banche, che fanno richiesta di garanzia, a certificare il merito di credito delle imprese beneficiarie nei seguenti casi:

    Per i finanziamenti a medio-lungo termine o per le altre operazioni di importo ridotto (fino a € 100.000) se il finanziamento non è assistito da altre garanzie (reali, bancarie o assicurative) e se l’impresa beneficiaria presenta un utile d’esercizio negli ultimi due anni, è prevista la possibilità che la banca certifichi direttamente il merito di credito dell’impresa trasmettendo all’ente gestore, in luogo degli scoring contenenti i dati di bilancio, una dichiarazione attestante il ricorrere delle condizioni sopra menzionate.

    Autostrada Telematica Servizi - Co.Svi.G. srl

    Via Nazionale, 60 - 00184 Roma - T. 06 4725130

    infoatscosvig@confesercenti.it

    P.IVA e iscrizione Registro delle Imprese Roma 07433091001 - R.E.A. Roma n. 1032171


    ITALIA COMFIDI